Se constati quanto successo riscuota dire No – e non solo in Italia – la tentazione di farne un mantra anche tu è forte. Ma allargare lo scenario non guasta se l’obiettivo è più ambizioso di costruire l’album di figurine degli interessi costituiti – le feder-cose, le asso-tutto, le conf-qualunque che stanno dalla tua.

Se l’obiettivo non è quello ma è proporre una linea di governo che abbia anche un orizzonte ideale, non serve al centrodestra volgarizzare questioni epocali come l’immigrazione; non serve il forcaiolismo sui diritti civili; non serve fare quelli che delle piste ciclabili farebbero parcheggi per Suv. Il centrodestra deve uscire dal tunnel del centrodestrismo che fu, perché quel centrodestra – rancoroso, settario, lobbisticamente condizionato – non serve (nemmeno elettoralmente) più.

In Italia siamo negli anni ’90 da oltre vent’anni. Difficile immaginare che possa servire a qualcosa qualunque cosa voglia invece tenerci ancora lì.

Articolo integrale su Strade Magazine

@kuliscioff

Pin It on Pinterest

Share This