di Kuliscioff per the FrontPage

Berlusconi, sfiduciato, sale al Colle. Si crea una maggioranza alternativa Fli-Udc-Api-Pd e Montezemolo Presidente. LCdM ottiene la fiducia, anche dalla Lega. Berlusconi vilipendia il Capo dello Stato. Viene arrestato a Palazzo Grazioli, dove si trova solo, e da lì portato via in manette tra una folla di esagitati armati di pastiglie di Viagra – “Prendi anche questa, Silvio! prendi anche questa, prendi anche queeesta…“.

Il titolo Mediaset affonda. Montezemolo gli dà il colpo finale mettendo in vendita la Rai. Due piccioni con una fava. E questo avviene nelle prime 24 ore dall’insediamento del governo ‘tecnico’ composto da Mario Draghi (Economia, Fisco e Sviluppo, Welfare, Ambiente), Antonio Martino (Esteri e Difesa), Massimo Cacciari (Istruzione, Università, Turismo, Cultura), Rita Bernardini (Giustizia, Diritti civili), la criminologa gnocca di Porta a Porta (Interni), Ruby Rubacuori (Immigrazione).

Nei giorni successivi, il CdM presieduto da LCdM approverà – non esattamente in quest’ordine -: l’abolizione delle Province, la dismissione delle partecipate, il federalismo fiscale (vero), la liberalizzazione delle rette e l’autonomia degli atenei, il contratto unico dei lavoratori, un welfare demograficamente sensato.

E poi: separazione delle carriere dei magistrati, abolizione degli ordini professionali (in loro vece, solo libere associazioni), legalizzazione del consumo e della vendita di droga, e della sperimentazione e coltivazione Ogm, abolizione del valore legale del titolo di studi. Quindi: riforma istituzionale e costituzionale. Ci metteranno un po’ di più su questo. Ma faranno il presidenzialismo, decimeranno in numero e retribuzione i parlamentari, aboliranno il finanziamento pubblico ai partiti – e surrettizi derivati. E metteranno pure in Costituzione il divieto di creare debito pubblico.

E Fini, Casini, Bersani, Rutelli? Montezemolo non li vuole tra le palle. Bossi se ne sta dietro un cespuglio, in Padania. Ma dice ai suoi di tirare fuori la Ferrari dal garage…

Il sogno si interrompe qui. Ma ho come il sospetto che ci sarà un seguito, e che non sarà poi così bello.

Pin It on Pinterest

Share This