Forse non hanno nemmeno capito cosa hanno votato. Forse sono state vittime di un colossale pesce d’aprile. Forse le cose sono più complesse del giovani in, vecchi out – se la partecipazione al voto dei giovani britannici è stata inferiore alla media, e se metà almeno della generazione Erasmus ha votato Leave.
Forse la Brexit costerà molto a chi si è divertito a giocare con la democrazia, se gli si continueranno a ritorcere contro le stesse idee escogitate per boicottarla. Forse la Brexit si poteva evitare. Forse evitarla avrebbe fatto guadagnare tempo, ma non risolto il problema. Perché il problema è l’Europa. E allora che fare?

Il piano europeo di Emmanuel Macron – non-conformista, brillante, anti-retorico ministro dell’economia francese. Ne ha discusso a Science Po con Daniel Cohn-Bendit e Sylvie Goulard.

Articolo integrale su Strade Magazine.

@kuliscioff

Pin It on Pinterest

Share This